Porta hotel

in Strutture ricettive
Porta hotel

Le porte negli hotel, sono l'ingresso delle camere e dello stesso albergo, e presentano molte possibilità.

Tra garanzia di privacy e sicurezza, ogni porta deve coniugare un'accurata scelta dei materiali con gli ultimi standard antiincendio e di insonorizzazione, senza trascurare l'estetica. Oggi la tecnologia è in grado di proporre soluzioni di apertura sempre più raffinate.

La porta è uno dei principali elementi polifunzionali in un albergo. Protegge e garantisce la privacy e la sicurezza del cliente, aumenta il comfort riducendo il rumore, è un complemento d'arredo che può valorizzare l'estetica dell'ambiente sia verso l'esterno (il corridoio) che verso l'interno (la stanza).

Più in generale, la porta è quella barriera che sancisce la separazione tra lo stress e le ansie e il riposo nel proprio spazio privato. E, naturalmente, c'è porta e porta: da quelle delle camere, che devono essere sufficientemente robuste e sovente necessitano di particolari meccanismi d'apertura, come la tessera magnetica, a quelle d'ingresso nello stesso hotel, automatiche o girevoli, passando per le porte interne scorrevoli e a scomparsa per non occupare troppo spazio. Infine, ci sono le porte con maniglie e maniglioni antipanico delle uscite di sicurezza, obbligatorie per legge. Una simile varietà di esigenze presuppone altrettante soluzioni, più o meno economiche e d'effetto, in serie o su misura.

L'investimento per un rinnovamento delle porte va preventivato con cura, perché alcune particolarità strutturali possono rivelarsi particolarmente onerose e non è semplice scegliere i materiali. Inoltre l'adeguamento alle normative antiincendio non è una scelta, ma un obbligo, e per omologare il proprio hotel il termine è stato di recente prorogato al 31 dicembre del 2010. È dunque questo il momento per pensarci.

Le porte delle camere

Innanzitutto le misure. I modelli in legno standard, prodotti in serie, hanno tre diverse larghezze, 60, 70 e 80 centimetri, e un'altezza precisa, 210 cm (a parte alcune zone d'Italia in cui per motivi storici le porte sono tradizionalmente più basse). Scegliete il legno più pregiato per la porta d'ingresso, magari massello o laccato di qualità, e ma attenzione alla finiture e alla verniciatura anche per quelle interne. Per quanto riguarda l'insonorizzazione, fondamentale per quegli hotel che vogliono fare della quiete e del riposo il proprio biglietto da visita, le porte devono essere sui 34-38 db e vengono solitamente realizzate su misura. Oggi gran parte delle offerte comprendono in pacchetto le cerniere autochiudenti, la serratura antipanico e il kit maniglieria in vari materiali (soprattutto ottone). I moduli per apertura elettronica vanno acquistati a parte e anche qui ce n'è per tutti i gusti.

Le porte d'ingresso nell'hotel

Lasciato alle spalle il caos della strada, la porta d'ingresso all'albergo dà il suo benvenuto al cliente proiettandolo in un ambiente elegante, ovattato, magari con un po' di lounge music in sottofondo. La cosa davvero importante è che l'ospite, gravato di valigie e valigette, possa entrare senza dover posare tutto a terra: largo all'automatico, quindi, e allo scorrevole. Le possibilità sono davvero illimitate: porta a battente automatica; porta scorrevole a due o più ante e a tutto vetro, ideale quando non si vuole sprecare spazio; porta girevole (revolving door), che al contrario ha bisogno di un'area operativa importante ma dà eleganza e raffinatezza; e la bussola, che creando una sorta di ulteriore anticamera garantisce isolamento ed è la soluzione più indicata per le zone con un clima troppo freddo o troppo caldo.

Le uscite di sicurezza

La necessità di fare ricorso alle uscite di sicurezza è senza dubbio spiacevole, ma è un'eventualità che va preventivata e affrontata a norma di legge: la normativa è comprensibilmente severa e dettagliata. A grandi linee si possono verificare due casi: nel primo le porte tagliafuoco sono uscite indipendenti, nel secondo, per motivi di spazio, le uscite di sicurezza sono quelle che normalmente si adoperano per il traffico quotidiano ed è necessario dotarle della tecnologia necessaria. Per questa evenienza si fa uso delle cosiddette porte a sfondamento (scorrevoli, telescopiche, ad angolo, a battente e rototraslante) che, previa una leggera pressione, permette alle ante di raccogliersi in senso opposto al passaggio permettendo il deflusso.

Copyright © 1996-2010 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874