Banco reception

in Strutture ricettive
Banco reception hotel

Banco reception, il front desk, sobrietà in prima linea per un mobile classico.

È al banco reception di un albergo che avvengono quasi tutti i rapporti tra l'ospite e il personale. Come in tutte le zone di contatto l'impressione data dev'essere di accoglienza e attenzione ai desideri del cliente, non una barriera per comunicare ostilità e freddezza.

Al bancone della reception in un hotel è affidato il difficile compito di accogliere il cliente e contemporaneamente offrire una superficie di lavoro ai propri dipendenti: una sorta di "zona franca" dove avviene la grande maggioranza degli scambi tra il personale e chi soggiorna. È il punto focale della reception nonché il biglietto da visita dell'albergo verso i propri ospiti: a seconda del mobile scelto si può dare un'idea di accoglienza oppure intimidire l'ospite, e sempre più studi di settore dimostrano che gran parte del gradimento finale deriva proprio dal primo impatto con il front desk. Proprio per questo, più che per altri mobili è necessario valutare in primo luogo la forma e l'eleganza, e solo in un secondo tempo il materiale.

Va da sé che, essendo il bancone il mobile più importante della reception debba essere in sintonia con tutto il resto, magari con il logo dell'albergo in bella evidenza e un aspetto sobrio, elegante e funzionale al tempo stesso: ma se nel resto della lobby si possono privilegiare mobili più elaborati e tessuti un po' carichi, il bancone dovrebbe invece essere lineare, ispirato a principi di professionalità e funzionalità, senza inutili orpelli che non fanno una buona impressione, tutt'altro.

Modulare o unico?

Il primo quesito è se scegliere una struttura unica oppure una modulare, modificabile a seconda delle esigenze; i vantaggi e svantaggi in termini di costo o effetto estetico sono immediatamente evidenti, così come la quantità di postazioni operative. Non trascurate un aspetto fondamentale del vostro bancone, ovvero l'altezza: se è obbligatorio evitare una superficie troppo alta, che ostacola la conversazione e rappresenta una vera barriera tra ospite e personale, una troppo bassa perde molta della sua utilità e suggerisce sciatteria e scarsa cura. Chi vuole puntare tutto su un rapporto il più aperto possibile con i clienti può anche optare per una struttura leggera, ma la regola è la compattezza e la solidità.

Forme e materiali

La forma del bancone dipende da dove viene posizionato; in determinati ambienti può essere indicato scegliere un bancone dritto o ondulato, con grande libertà di movimento per il personale, mentre in altri la soluzione migliore è un angolato o curvo, che ottimizza l'area d'uso col minimo ingombro. Se lo spazio a disposizione è poco un bancone quasi interamente circolare permette la gestione contemporanea di più clienti anche da un solo receptionist e offre sufficiente spazio per gli oggetti di lavoro.

Se il bancone dritto rischia l'effetto "muro", al contrario una penisola dà l'idea di un protendersi verso l'ospite e le sue necessità. I materiali? Quasi sempre legno pregiato, ma il laccato non stona negli ambienti moderni e il vetro o il cristallo fresato rimangono sempre scelte di sicuro effetto (per quanto assai difficili da mantenere immacolati in una zona in cui avvengono decine di transazioni ogni giorno). In ogni caso, come ogni elemento della reception è auspicabile non essere troppo schiavi del portafoglio.

Pensare a chi sta dall'altra parte

Tutta questa attenzione per il cliente non deve naturalmente tradursi in scarsa considerazione per i dipendenti. Ricordiamoci che è pur sempre una postazione di lavoro, una vera e propria scrivania dove chi è deputato all'accoglienza dell'ospite dovrà lavorare per lunghe ore senza dar mai l'impressione di essere stanco o stressato. Assicuratevi quindi che anche dall'altra parte del banco reception ci sia spazio a sufficienza per muoversi agevolmente, i cassetti, gli scaffali e il quadro chiavi siano facilmente raggiungibili, sedie e poltrone siano ergonomiche, non manchi ampio lo spazio per archivi e documentazioni: rappresentanza verso l'esterno, praticità verso l'interno. E non dimenticate che l'ambiente sul retro dovrà essere il più possibile nascosto all'occhio del cliente.

Copyright © 1996-2010 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874