Cucina a vista

in Ristorazione
Cucina a vista

La cucina a vista, mettere in mostra l'alchimia del gusto.

La cucina dei ristoranti, specie moderni, è sempre più un ambiente da far vedere ai propri clienti per esibire la propria professionalità che da tenere nascosto. I prezzi sono sicuramente superiori ma permettono di realizzare un nuovo punto focale e un'ulteriore attrattiva del locale.

Accendete la televisione su uno dei sempre più numerosi canali a tema culinario. È tutto un fiorire di trasmissioni dedicate alla preparazione di piatti arditi e innovativi, oppure classici e rivisitati nella tradizione, ma con un filo conduttore a cui prestare attenzione: la cucina. Non solo per esigenze di trasmissione, questa non è più un semplice luogo di lavoro dove accatastare pentole e padelle sporche in attesa del lavaggio, il "laboratorio" lontano dall'occhio dei curiosi dove prendono vita le pietanze più prelibate, la zona frenetica dove gli chef danno gli ordini e i camerieri entrano ed escono sfrecciando con le portate in equilibrio precario.

Oggi la cucina, in particolar modo per i ristoranti moderni, quelli asiatici e quelli fusion, è sempre più a vista, al fine di permettere al cliente (sempre più informato e coinvolto nelle diverse creazioni culinarie) di seguire tutte le fasi di preparazione del piatto. La cucina a vista rassicura la clientela trasmettendo un senso di professionalità e igiene, e, se studiata con cura, è un vero e proprio elemento di design capace di dare "quel tocco in più" al vostro ristorante. Va da sé che ogni particolare deve essere pensato attentamente per evitare l'effetto contrario, disordine e caos.

Luce e trasparenza

Il vetro e le luci calde sono gli alleati più efficaci per trasformare una zona del ristorante solitamente "riservata al personale" in un ambiente innovativo e vincente. Il messaggio è chiaro: quello che si prepara qui è tutto alla luce del sole, è genuino ed esteticamente appagante, non c'è nulla da nascondere. Soprattutto l'illuminazione va curata per evitare di trasmettere freddezza. Al bando le luci fredde, ma attenzione: ancora più che in sala qui è necessario vederci bene, quindi bisogna muoversi con cognizione di causa per unire efficienza e bellezza. Infine, una bella cucina a vista è un punto focale vivo e nuovo sul quale convergeranno gli sguardi, magari distogliendosi da pareti un po' soffocanti o con poche finestre.

Non solo design

La cucina a vista è solo un vezzo per chi se lo può permettere? Errore. Qualsiasi locale può farvi ricorso e andare incontro al gradimento del cliente, tenendo conto delle proprie peculiarità. Avete una pizzeria? Fate in modo di orientare il vostro grande forno a legna in modo che la fiamma sia visibile a chi è in sala, susciterete appetito e buonumore. Naturalmente il ristorante di design è quello che più di tutti si può avvantaggiare di una soluzione a vista, perché i materiali innovativi usati oggi per gli elettrodomestici, il metallo del lavabo e dei mobili, il vetro onnipresente e una certa scenografia nella preparazione che sovente si accompagna alla filosofia in cucina sembrano nati per essere mostrati a chi vuole ammirare il lavoro "da dentro" dei professionisti del gusto.

Qualche accorgimento

Naturalmente la cucina a vista deve essere sempre immacolata, mai un piatto lasciato nel lavello o macchie macroscopiche sul piano gas; le linee devono essere pulite e dare un'impressione di professionalità, movimento ed efficienza. Ricordiamo che gli elettrodomestici "d'arredo" costano mediamente di più di quelli tradizionali. L'aspirazione deve assolutamente essere collegata con l'esterno e non sfruttare la sala ristorante; va benissimo che gli odori più invitanti arrivino tra i tavoli (con parsimonia) per stuzzicare l'appetito, ma mettete in conto anche tutti quelli sgradevoli che devono essere neutralizzati il prima possibile. Se avete molte bottiglie notevoli appena arrivate dalla cantina, mostratele.

Copyright © 1996-2010 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874