Gioielleria

in Esercizi commerciali
Gioielleria

Gioielleria, dove nasce il sogno, un arredamento elegante è la cornice migliore per i preziosi.

Acquistare un gioiello non è una spesa da poco, e il valore emotivo che si affida all’oggetto spesso è tanto intenso da comunicare sentimenti e impegno. Una scelta ragionata e “lenta”, dunque, che deve svolgersi in un’ambiente all’insegna della raffinatezza e della professionalità.

Il tempio del lusso. La gioielleria rappresenta quell’angolo di eleganza e raffinatezza dove si acquista merce di qualità straordinaria, pietre preziose di ineguagliabile lucentezza per un regalo indimenticabile, oppure ancora ori e argenti per esaltare l’esclusività della propria casa. L’arte dell’oreficeria è, prima di tutto, l’arte dei dettagli.

La lavorazione di un gioiello prevede un’attenzione maniacale alla più piccola sfumatura e un’altissima professionalità che unisce l’eccellenza delle tecniche al valore dei materiali impiegati. Facile immaginare, quindi, che anche per l’arredo di una gioielleria si opti di solito per un ambiente di grande suggestione e gusto, dove nulla è lasciato al caso e ogni mobile è pensato per creare un’atmosfera unica ed esaltare la merce in esposizione. Qui, più che in altri esercizi, la personalizzazione della propria attività ricopre un ruolo di grnade importanza: ogni gioielleria decide materiali, schemi colore, illuminazione (fondamentale) per proporsi in modo nuovo al cliente e saper conquistare quella fiducia che sta alla base della fidelizzazione.

Un ambiente accogliente

Inutile nascondersi dietro a un dito: l’acquisto di un gioiello non è mai economico. È un regalo importante, ideale per le feste e per le ricorrenze, e visto il suo carattere indubbiamente “impegnativo” il cliente desidera sceglierlo con grande attenzione, comparando offerte diverse e affidandosi all’esperienza del venditore. La prima preoccupazione nell’arredamento della gioielleria è quindi quella di creare un ambiente elegantissimo, raffinato, silenzioso, accogliente senza essere troppo vistoso (l’eccessivo lusso può mettere in soggezione l’acquirente): gusto, quindi, nella scelta dei mobili e dell’illuminazione, affinché il cliente si senta davvero a suo agio per valutare spese importanti.

Minimalismo e gusto

Nella maggior parte dei casi l’arredamento della gioielleria è prezioso, ma essenziale. A parlare devono essere i gioielli e uno stile minimalista aiuta ad esaltare la preziosità della loro lavorazione. In genere quindi sono previsti ampi spazi centrali, magari con comodi divani e poltrone, per aumentare il grado di comfort del negozio; sulle pareti e nel bancone (più raramente isole e gondole, usate più spesso per la bigiotteria; ma un pezzo particolarmente pregiato può essere evidenziato da un espositore dedicato) trovano posto le vetrine e gli espositori. È il dominio di toni neutri come il bianco, il nero, il grigio, il marrone scuro del legno wengè: anche qui, i tocchi di colore devono risaltare dal gioiello.

Riflettere la luce

Lo strumento principale nell’illuminazione dei gioielli è naturalmente il faretto. I metalli preziosi e le pietre si distinguono proprio per la loro capacità di riflettere e amplificare la luce, per cui una presentazione efficace della propria merce dovrà prevedere un’illuminazione precisa al millimetro e forte senza essere aggressiva, caratteristiche dove proprio il faretto può eccellere. Al gusto del gioielliere viene lasciata la scelta del posizionamento del punto luce, che può arrivare dall’alto oppure, se si preferisce ottenere un effetto “soffuso”, avvolgere la teca dal basso sfruttando la rifrazione del cristallo.

Copyright © 1996-2010 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874